Check-in in appartamento: ecco perché farlo di persona - Welcomeasy
Subito a tua disposizione un periodo di prova di 30 giorni
Hai già il tuo account?
Condividi

Noi italiani nasciamo con l’accoglienza nel sangue.

Instaurare una relazione con l’ospite, farlo sentire come a casa sua fin dal momento del check-in in appartamento è qualcosa a cui non sappiamo rinunciare, perché è parte di quello che siamo: un popolo caloroso e accogliente. Non è un caso, infatti, che siamo riconosciuti come i maestri indiscussi dell’ospitalità da tutto il mondo.

Purtroppo, però, la burocrazia non ci facilita il compito, questo è certo, basti pensare ai documenti da registrare o alle informazioni da inviare ai diversi portali, tutte cose che vanno a togliere tempo prezioso al nostro ospite e che potremmo, invece, sfruttare per fornirgli importante informazioni riguardo il suo soggiorno.  Ma prima di soffermarci su questo punto ( a cui c’è soluzione, ma te la sveliamo alla fine di questo articolo) diamo uno sguardo a tutti i vantaggi di accogliere un ospite di persona, non appena arrivato nella nostra città.

Il turista di oggi non si accontenta del viaggio, ma vuole vivere un’esperienza di viaggio

Il mercato del turismo è cambiato molto nel tempo, specie in questi ultimi anni, in cui il turista non desidera solo vedere dei luoghi, ma vivere delle vere e proprie esperienze, basti pensare al successo di Airbnb che prima ha aperto le case delle persone ai viaggiatori e poi ha creato il portale delle “Esperienze” per avvicinare i turisti alla quotidianità di chi nelle città ci vive ogni giorno.

Perché è questo che il turista di oggi vuole: vivere il luogo che visita come uno del posto e qui, la bravura di un host al momento del check-in può fare la differenza.

Non è più la destinazione ad essere al centro del viaggio, ma lo stesso viaggiatore e tu, occupandoti di affitti turistici, hai un ruolo fondamentale in questo: sei tu che, con le tue conoscenze della città e delle sue tradizioni, puoi rendere la vacanza del tuo ospite memorabile e unica nel suo genere. 

Check-in appartamento: i vantaggi di farlo di persona

Perché il rapporto umano è importante al momento del check-in

Prova a metterti nei panni di una persona che arriva per la prima volta in una città, grande o piccola che sia. Non ha punti di riferimento, non conosce le strade, non conosce le persone, probabilmente il primo contatto umano lo avrà con l’autista del taxi che lo porterà all’appartamento che ha prenotato oppure con un freddo banco informazioni all’aeroporto.

Poi, una volta arrivato al portone della casa presa in affitto, incontra te, che sei lì ad aspettarlo con un gran sorriso sulle labbra. Sei come la luce alla fine del tunnel, un viso amico, anche se non vi siete mai visti prima, ed è proprio qui che si innesca quel profondo rapporto di fiducia, che dovrebbe essere alla base di ogni relazione tra ospite e host.

In quel momento, tu diventi il suo punto di riferimento, la spalla su cui appoggiarsi in caso di bisogno e la sicurezza che tutto andrà bene.

Una volta entrati in casa, anche se la stanchezza del viaggio si farà sentire, al tuo ospite farà piacere sapere esattamente dove trovare gli asciugamani per farsi una doccia rigenerante o ricevere qualche indicazione per andare a cena o fare una buona colazione l’indomani.

Check-in ospite in appartamento: i vantaggi di farlo di persona

Ovviamente, la gentilezza e l’educazione fanno parte del pacchetto, insieme alla discrezione e al senso della misura. Sta a te, in base al tipo di turista che hai davanti, calibrare il tempo da impiegare in fase di check-in e il numero di informazioni da dare.

Può succedere. infatti, che il tuo ospite non abbia voglia di trattenersi in chiacchiere, ma sapere che sarai a sua disposizione per eventuali domande, mentre gli allunghi la cartina della città, farà comunque la differenza, soprattutto quando andrà a scrivere la sua recensione.

Leggi anche: Le 3 regole d’oro degli affitti turistici

E dopo il Coronavirus, il rapporto umano farà ancora la differenza?

Sicuramente sì, soprattutto se pensiamo a quanto le persone avranno ancora più bisogno di essere rassicurate dopo un’epidemia di questo tipo.

Abbiamo visto in un precedente articolo quali saranno gli effetti del Coronavirus sul settore degli affitti brevi, sappiamo quindi che non tornerà tutto esattamente come prima, e che il primo periodo sarà probabilmente quello più difficile da gestire, proprio perché di transizione.

Sarà importantissimo rispettare le distanze di sicurezza e occuparsi della sanificazione dell’appartamento, certo, ma ricordati che la tua presenza al momento del check-in sarà ancora più importante per far sentire il tuo ospite al sicuro, in una città che non conosce, e informarlo riguardo le precauzioni che può adottare per vivere al meglio la sua vacanza, nel rispetto delle norme previste.

Leggi anche: Come sfruttare la crisi del Coronavirus per ripartire con la tua attività di affitti brevi

Check-in di persona sì, ma nel modo e nei tempi giusti

Abbiamo visto come fare il check-in di persona porti diversi vantaggi, non solo nell’esperienza dell’ospite ma anche nella riscossione di future recensioni positive, ma siamo anche consapevoli del fatto che la registrazione – obbligatoria – dei documenti d’identità sia una parte del processo di accoglienza che potrebbe andare a minare quel famoso rapporto di fiducia di cui abbiamo parlato fino a questo momento.

Mettiamoci ancora una volta nei panni del nostro viaggiatore, che dopo un lungo viaggio finalmente arriva al nostro appartamento, ci incontra e ascolta con attenzione i nostri consigli e indicazioni e quando arriva il momento dei saluti, ecco che bisogna chiedergli i documenti. Farlo attendere mentre con carta e penna ci prendiamo nota di tutti i suoi dati per la compilazione della schedina alloggiati, non è certo un bel modo di salutarsi.

È questo, infatti, il momento che potrebbe andare a rovinare tutto ciò che abbiamo costruito, rischiando di innervosire il nostro ospite che percepirà quegli interminabili minuti come una grandissima perdita del SUO tempo.  Ma come ti abbiamo anticipato, la soluzione al problema esiste ed è anche estremamente semplice: Welcomeasy.

Welcomeasy è la app che ti permette di fare il check-in dei tuoi ospiti in soli 48 secondi, catturando  i dati dei loro documenti direttamente con il tuo smartphone, dandoti anche la possibilità di inviarli direttamente al Portale Alloggiati. 

Praticamente il tuo ospite nemmeno si accorgerà della noiosa parte burocratica che sei costretto a svolgere per legge, inoltre, in questo modo non si porterà a casa solamente il ricordo di una bella vacanza, ma anche la gradevole sensazione di essere stato sempre al centro della tua attenzione.

Il VERO check-in contactless

Non meno importante è il fattore sicurezza e Welcomeasy è l’unica app che ti permette di fare il check-in ai tuoi ospiti senza rinunciare al rapporto umano. Lo abbiamo detto prima, accogliere i proprio ospiti di persona può fare davvero la differenza, e le modalità di acquisizione dei dati con Welcomeasy ti permette di mantenere il distanziamento sociale previsto, tutelando te e i tuoi ospiti.

A questo proposito, abbiamo realizzato un badge che potrai esporre sui canali social della tua attività turistica, applicarlo alle foto sui vari portali di prenotazione o sul tuo sito e persino sul contratto di affitto.

Come fare per ottenerlo? Ti basterà scaricare la app!

Vuoi provarla?

È gratis per 30 giorni e potrai provarla senza impegno (non ti chiediamo, infatti, di inserire i dati della tua carta di credito), potrai così cominciare a prendere dimestichezza con la app, creando il profilo del tuo appartamento. Scaricala subito!

Welcomeasy su Play Store
Welcomeasy su App Store
Condividi