Staycation e undertourism le nuove tendenze di viaggio

staycation e undertourism Welcomeasy

Tra le tendenze turistiche per l’estate 2021 ci sono staycation e undertourism. Nuovi modi di viaggiare che porteranno i turisti a privilegiare luoghi molto vicini all’abitazione di residenza o poco conosciuti e di conseguenza scarsamente frequentati.

La pandemia da nuovo coronavirus ha cambiato le nostre vite per sempre e ha modificato il nostro modo di viaggiare. Poiché non possiamo, da oltre un anno, viaggiare liberamente, come, dove e quando vogliamo, sono emersi nuovi bisogni. Legati non solo alle restrizioni imposte dalle autorità nazionali ed estere ma anche dal nostro vissuto emotivo. Bisogni che caratterizzeranno la domanda verso gli operatori turistici per i prossimi mesi e forse anche anni.

I viaggiatori hanno nuovi bisogni legati alle regole di prevenzione ma anche alle proprie emozioni e paure

Voglia di libertà ma anche di sicurezza

La voglia di viaggiare è tanta. Secondo una recente indagine condotta dall’OTA Booking.com, per il 64% degli italiani viaggiare è più importante oggi rispetto a prima della pandemia. Ma quando ci si siede a tavolino per pianificare una vacanza non si pensa più solo alla destinazione e al budget a disposizione. Si controlla se il luogo che si vuole visitare è sicuro dal punto di vista sanitario, magari perché è un’isola Covid free. Si verificano le condizioni alle quali bisogna sottostare: nessuno ha voglia di affrontare una quarantena fiduciaria prima o dopo la vacanza. Secondo l’OMS il 48% dei viaggiatori teme il rischio di quarantena tanto quanto il virus. Mentre la maggioranza dei viaggiatori è disponibile a sottoporsi a un tampone molecolare per entrare in un Paese straniero o per volare su un aereo libero dal covid.

Per il 64% degli italiani viaggiare è più importante oggi rispetto a prima della pandemia

Alcune richieste emergenti, come quelle legate all’attenzione verso un turismo più green e sostenibile, potrebbero diventare parte delle nostre abitudini. Secondo gli esperti del settore continueremo a spostarci oltre oceano, ma lo faremo in modo meno frequente.

Gli europei stanno riscoprendo l’Europa. In tanti l’anno scorso hanno scelto di fermarsi nel proprio paese o addirittura nella propria regione per l’Estate e lo faranno ancora nel 2021. Gli italiani in vacanza all’estero nell’estate 2020 erano appena il 3% del totale. Se l’anno scorso l’abbiamo fatto per costrizione, quest’anno lo faremo ancora per precauzione.

Sempre secondo la ricerca di Booking.com, sette italiani su dieci pensano di avere più speranze di viaggiare nel 2021, benché la Pandemia sia ancora in corso. Ma le mete più cercate dai connazionali sono quelle balneari sulle coste dello Stivale. Come Amalfi, Positano, Procida, Ponza, l’isola d’Elba, Sperlonga, Gaeta, Forte dei Marmi, Ostuni, Orosei, Porto Cervo. Poche le località estere.

Turismo di prossimità come stile di viaggio

L’anno prossimo, magari, continueremo a soggiornare in Italia perché ci è piaciuto e ci siamo trovati bene. Rimanendo vicini a casa non si passano lunghe e interminabili ore nella cabina di un areo. E si scoprono località che non vengono prese d’assalto dai turisti. Luoghi più piacevoli da visitare, dove di fatto ci si rilassa di più.

Ne abbiamo parlato in più di una occasione su questo blog: il turismo di prossimità continuerà a essere un trend. Nell’era della Covid-19 siamo spinti a scegliere destinazioni che conosciamo già o che pensiamo siano sicure.

Ecco le tendenze, legate al bisogno di sentirsi sicuri e meno esposti ai contagi, che definiscono due tipologie di viaggi di prossimità diversi dalle classiche vacanze al mare o in montagna.

Gestisci i check-in in meno di un minuto:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Staycation: in albergo nella propria città

La staycation (unione di stay at home, stare a casa, e vacation, vacanza) è un trend che nasce dalle esigenze dei viaggiatori più prudenti. Quelli che non vogliono rischiare di trovarsi in difficoltà lontano dalla propria abitazione. E anche da coloro che non vogliono prenotare un viaggio per poi essere costretti a rinunciare, a causa di nuove restrizioni. Ma pure dagli irriducibili che, piuttosto che niente, scelgono di farsi coccolare in un hotel di lusso senza uscire dai confini cittadini. In fondo per evadere basta lasciare le mura domestiche. Può essere l’occasione per scoprire la propria città da turisti.

La staycation è un’occasione per scoprire la propria città da turisti

Molte strutture si stanno muovendo o si sono già organizzate per proporre pacchetti a prezzo scontato a chi risiede nella stessa città in cui andrà in vacanza. Spesso queste offerte speciali comprendono l’uso di tutti i servizi complementari presenti nell’hotel o nell’agriturismo, per esempio, come palestra, centro benessere, campi da tennis, attività di equitazione e simili.

Se siamo titolari di un’attività alberghiera o extra alberghiera, proviamo a pensare a quello che possiamo offrire per attirare chi vive in zona. Come un weekend all’insegna del relax a prezzo scontato, arricchito da degustazioni, lezioni di cucina, suggerimenti per riscoprire la località in cui lavoriamo con occhi nuovi e così via. Il tutto ovviamente nel rispetto del distanziamento sanitario.

Undertourism: alla riscoperta dei borghi dimenticati

Il nostro Paese è estremamente ricco di borghi e paesini che hanno un fascino speciale. Magari perché sono arroccati su una collina, perché hanno un piccolo centro storico che vanta belle chiese o una struttura urbanistica e architettonica originale. O ancora perché sono in una posizione che garantisce una vista spettacolare.

Qualunque sia la ragione, si tratta spesso di mete fuori dalle tradizionali rotte turistiche. Tutti questi luoghi sono un’occasione preziosa per chi ha una seconda o terza casa da mettere a reddito. Grazie al trend dell’undertourism, che sposta l’attenzione lontano dalle località mainstream. Se ti stai chiedendo come fare prova a leggere qui.

L’undertourism è un’occasione preziosa per chi ha seconde o terze case da mettere a reddito

Con un po’ di pubblicità sui social e la presenza su OTA come Airbnb e Booking.com oggi è possibile intercettare il target giusto, interessato all’undertourism.

Da una parte ci sono le grandi città d’arte italiane e straniere, che stanno studiando forme di ingresso a numero chiuso per i centri storici, i musei o i luoghi di interesse più visitati, in modo da tornare a ospitare i turisti nel prossimo futuro. Dall’altra i borghi dimenticati che torneranno a vivere grazie al turismo. Non è ancora operativo, ma per chi è interessato all’undertourism è già possibile visitare in anteprima il portale click-it.it. Una OTA che nasce con l’obiettivo di intercettare i turisti interessati a questo trend.

Gestisci i check-in in meno di un minuto:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Welcomeasy è la soluzione per il check-in superveloce che azzera i tempi della burocrazia. Oltre all'App, con Welcomeasy avrai accesso a una piattaforma desktop per gestire in tempo reale tutti i check-in e l’attività dei tuoi collaboratori. Che tu sia il proprietario di un appartamento o il gestore di più strutture, Welcomeasy è la soluzione facile e sicura che ti fa guadagnare tempo.

Prova Welcomeasy gratis per 30 giorni senza vincoli nè carta di credito