Super Green Pass: cosa cambia per le strutture ricettive

Super Green pass cosa cambia per le strutture ricettive Welcomeasy

Il Super Green Pass entrerà in vigore il 6 dicembre, anche in zona bianca. Si chiama così la certificazione che ottengono solo i vaccinati e chi è guarito dalla Covid-19 da un massimo di sei mesi.

Assieme alla certificazione verde “potenziata” ci sono tutta una serie di altre regole che coinvolgono anche il settore turistico. Se fino a ieri i gestori di hotel, B&B, agriturismi eccetera non avevano l’obbligo di chiedere il green pass, le cose stanno per cambiare. Il Governo, dopo aver sentito anche il parere delle regioni, ha deciso per la linea dura verso i no vax.

Ecco allora che a partire dal 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022, quindi per tutto il periodo di Natale e Capodanno, i non vaccinati potranno entrare in struttura ricettiva solo facendo il tampone.

I non vaccinati potranno entrare in struttura solo facendo il tampone

Le restrizioni più rigide sono incluse nel nuovo protocollo anti Covid, messo a punto per contrastare gli effetti della quarta ondata e delle varianti più aggressive del nuovo coronavirus, come la Sudafricana. Il decreto-legge del 24 novembre 2021 prevede misure che riguardano:

  1. obbligo vaccinale e terza dose
  2. estensione dell’obbligo vaccinale a nuove categorie
  3. istituzione del Green Pass rafforzato
  4. rafforzamento dei controlli e campagne promozionali sulla vaccinazione

Vediamo nello specifico cosa cambia per chi gestisce una struttura ricettiva.

Cosa cambia per i gestori delle strutture ricettive

Le regole per alberghi, B&B, agriturismi eccetera continuano a essere un po’ diverse rispetto a quelle che coinvolgono ristoranti e altri esercizi. Chi gestisce alberghi e attività ricettive in generale, dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022, ha l’obbligo di chiedere agli ospiti la certificazione verde, che invece fino al 5 dicembre 2021 non serviva. Fino ad ora il green pass non era mai stato richiesto agli ospiti per i soggiorni (di qualunque natura, turistici o lavorativi) nelle strutture alberghiere o extralberghiere. Faceva eccezione solo l’accesso ai servizi di ristorazione delle strutture ricettive con tavoli al chiuso, se rivolti anche a persone non ospiti.

Come funziona il controllo del Green Pass

Per verificare il possesso del green pass basta uno smartphone. Per controllare il QR code del green pass o del super green pass scarichiamo l’applicazione VerificaC19 da un qualunque store ufficiale su un dispositivo (va bene anche un tablet). Al momento del controllo non è necessario essere connessi a Internet. Se non vogliamo usare il nostro dispositivo personale, possiamo tranquillamente utilizzare o mettere a disposizione dell’incaricato per la verifica un vecchio dispositivo.

A dicembre, l’app Verifica C19 verrà aggiornata con l’inserimento di due diverse opzioni per controllare il super green pass (che ci servirà chiedere se nella struttura c’è un bar o un ristorante aperto al pubblico) o il green pass base. Se un ospite pernotta in struttura per un tempo superiore a 48 ore, il suo green pass potrebbe scadere nel caso in cui non sia vaccinato ma abbia eseguito un tampone. In teoria, quindi, il nostro ospite dovrebbe sottoporsi a un nuovo tampone e noi dovremmo ricontrollare periodicamente la certificazione verde.

In albergo, B&B o agriturismo è facile, possiamo chiedere gentilmente all’ospite di mostrarci il green pass quando ritira le chiavi per salire in camera. Ma in appartamento o in casa vacanze? Non possiamo certo “andare a trovare” i turisti ogni due giorni per verificare la certificazione verde… Al momento non ci sono chiarimenti in merito. Aggiorneremo questo testo non appena ne sapremo di più.

Dobbiamo chiedere a tutti gli ospiti della struttura il green pass, anche più volte nel corso del soggiorno

Addio self check-in, benvenuto check-in super veloce

L’introduzione dell’obbligo di verifica del green pass per tutte le strutture ricettive impedisce di fatto l’uso del self check-in, apprezzato da quegli ospiti che preferiscono entrare autonomamente in struttura e dagli host che hanno poco tempo da dedicare alle classiche procedure di accoglienza legate al check-in.

Come fare per andare incontro a quei turisti che magari hanno già prenotato per Natale e ci hanno richiesto il self check-in?

Se si tratta di un problema di orari, dal 6 dicembre al 15 gennaio 2022, cerchiamo di essere più elastici e di offrire una finestra di check-in più ampia del solito. Per chi invece apprezza il self check-in perché è molto rapido, la soluzione migliore (sia dal punto di vista del turista sia per l’host) è quella di organizzarsi in modo da garantire un check-in rapido in presenza. Ovviamente speriamo che dal 15 gennaio tutto torni alla “normalità”, ma purtroppo sembra proprio che questa Pandemia continuerà a gravare sull’economia e sulle nostre abitudini ancora a lungo.

Visto che dobbiamo per forza accogliere di persona gli ospiti e controllare il green pass con lo smartphone, una soluzione molto funzionale è quella di fare tutto dal telefono. Con due clic si controlla la validità del green pass e in 30 secondi, con Welcomeasy, si espletano le procedure di check-in, dallo stesso dispositivo.

Il check-in in 30 secondi:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Ma serve il Green Pass anche per le locazioni turistiche?

L’obbligo di controllare il Green Pass degli ospiti dal 6 dicembre scatta anche per case vacanze e appartamenti in affitto breve.

Le strutture ricettive turistiche soggette alle regole previste dal nuovo decreto-legge sono:

  • strutture ricettive alberghiere e hotel
  • bed and breakfast
  • unità abitative ammobiliate a uso turistico
  • affittacamere
  • strutture ricettive all’aria aperta
  • strutture ricettive a carattere sociale
  • rifugi alpini, rifugi escursionistici e bivacchi

Si presuppone che l’attività di affitto ai turisti sia svolta a fini imprenditoriali, ma il decreto-legge non fa distinzioni, quindi ci conviene chiedere il green pass ai nostri ospiti anche se siamo dei privati che gestiscono una struttura ricettiva extra-alberghiera in forma non imprenditoriale.

Cosa possono fare i turisti non vaccinati

Vediamo ora cosa possono fare i turisti con green pass o con super green pass per dare consigli corretti ai nostri ospiti. I turisti italiani possono spostarsi all’interno del territorio nazionale se hanno il green pass, quindi i non vaccinati possono comunque andare in vacanza in qualsiasi regione, a patto di fare un tampone. Ricordiamo che il tampone molecolare ha una durata di 72 ore, mentre quello rapido di 48 ore. A seconda della durata del soggiorno potrebbe essere necessario, quindi, ripetere il tampone durante la vacanza se non si è vaccinati.

I luoghi e le attività preclusi a chi è privo di Super Green sono invece: cinema, teatri, palestre, impianti sciistici, bar e ristoranti aperti al pubblico con servizio ai tavoli, stadi e discoteche, feste e cerimonie.

E gli stranieri?

Le stesse regole che valgono per gli italiani si applicano anche ai turisti stranieri, dobbiamo quindi controllare con l’app tutti, indipendentemente dalla provenienza (se non sono in possesso della certificazione comunque non possono entrare in Italia).

Le stesse regole che valgono per gli italiani si applicano anche ai turisti stranieri

Bruxelles ha sottolineato che «una persona in possesso di un green pass Covid valido, in linea di principio non dovrebbe essere soggetta ad ulteriori restrizioni». Ma il governo ha comunque sottolineato che varranno per i turisti stranieri le stesse regole che dovranno rispettare gli italiani. Chi non è vaccinato potrà entrare in Italia e soggiornare in albergo o in un’altra struttura ricettiva con il tampone, ma non potrà andare in cinema, teatri e ristoranti al chiuso.

Il check-in in 30 secondi:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Welcomeasy è la soluzione per il check-in superveloce che azzera i tempi della burocrazia. Oltre all'App, con Welcomeasy avrai accesso a una piattaforma desktop per gestire in tempo reale tutti i check-in e l’attività dei tuoi collaboratori. Che tu sia il proprietario di un appartamento o il gestore di più strutture, Welcomeasy è la soluzione facile e sicura che ti fa guadagnare tempo.

Prova Welcomeasy gratis per 30 giorni senza vincoli nè carta di credito