Schedine alloggiati: le informazioni da conservare

come conservare i dati delle schedine alloggiati welcomeasy

Quando parliamo di schedine alloggiati, dobbiamo considerare anche quello che accade dopo l’invio dei dati sugli ospiti al Portale Alloggiati della Polizia di Stato. Perché? I file che attestano il corretto invio delle informazioni identificative dei turisti alla questura competente fungono da ricevute. E vanno conservati per 5 anni.

Generalmente li troviamo disponibili su Alloggiati Web dopo 24 ore dall’invio. Questo obbligo riguarda tutti gli operatori del settore, dagli albergatori agli affittacamere, passando per i gestori di case e appartamenti destinati alle vacanze, Bed & Breakfast e campeggi. Compresi i property manager che si occupano esclusivamente di affitti brevi.

Le ricevute del corretto invio delle schedine alloggiati vanno conservate per 5 anni

Come funzionava in passato

Dal punto di vista della conservazione dei dati non è cambiato molto dall’epoca pre-digitale. Prima del 2013 si comunicavano alle questure le generalità delle persone arrivate nelle strutture ricettive tramite schedine alloggiati cartacee. Poi si tenevano le ricevute timbrate ben ordinate in grossi faldoni, nel proprio ufficio.

Certo, ora le ricevute delle schedine alloggiati pdf correttamente inviate occupano meno spazio. Ma è comunque importante non perderle e sapere sempre dove sono nel caso di controlli. Se capita qualche disguido e non siamo in grado di dimostrare di aver effettuato correttamente l’invio delle schedine alloggiati, rischiamo una multa salata e non solo quella.

È importante non perdere le ricevute che attestano l’invio delle schedine alloggiati per non rischiare sanzioni

Come funziona oggi

Sul Portale Alloggiati abbiamo a disposizione, direttamente online, le ricevute di tutti gli invii delle schedine alloggiati effettuati negli ultimi 30 giorni. Con il passare del tempo le più vecchie vengono cancellate automaticamente dal sistema.

Pertanto dobbiamo sempre ricordarci di scaricare le ricevute con regolarità. Se non tutti i giorni almeno una volta a settimana.

Su Alloggiati Web troviamo le ricevute di tutti gli invii delle schedine alloggiati effettuati negli ultimi 30 giorni. Scarichiamole almeno una volta a settimana

La cosa migliore da fare, dopo aver scaricato i file, è quella di conservali non solo sul proprio PC ma su più supporti, come hard disk esterni e chiavette USB. Sappiamo bene che, anche se siamo abbastanza bravi ed eseguiamo regolarmente un backup dei dispositivi che usiamo per lavoro, il rischio di perdere i file esiste sempre. Ecco perché è indispensabile salvare le ricevute in più copie.

Inoltre è importante che lo strumento dove le conserviamo sia sicuro, a prova di hacker e protetto da una password. Meglio evitare lo smartphone, che può essere facilmente perso o rubato.

Il check-in in 30 secondi:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Ottimizzare il lavoro risparmiando tempo e fatica

In alternativa possiamo affidarci all’app Welcomeasy, per controllare lo storico dei check-in chiusi e scaricare le ricevute del portale Alloggiati direttamente da un unico strumento. In questo caso la conservazione non è più un problema: se ne occupa Welcomeasy per noi, su server sicuri, per tutti e cinque gli anni.

Un promemoria è sempre utile

Quando si ha a che fare con la burocrazia e la Legge è fondamentale avere ben chiari tutti i passaggi da fare per evitare sanzioni e responsabilità penali. Property manager, proprietari di bed & breakfast, gestori di case vacanze eccetera devono effettuare tempestivamente il check-in degli ospiti e inviare i loro dati identificativi al Portale Alloggiati. Riassumiamo tutti i passaggi.

  1. Abbiamo già richiesto e ottenuto l’accredito al Portale Alloggiati? Possiamo usarlo in qualunque momento (malfunzionamenti a parte) usando le nostre credenziali, collegandoci a questo sito
  2. Possiamo ospitare solo chi ha con sé un documento identificativo 
  3. Trascriviamo tutte le informazioni sulle persone arrivate nella nostra struttura facendo attenzione a non commettere errori 
  4. Dobbiamo trasmettere i dati di tutti gli ospiti entro 24 ore. Nel caso di soggiorni più brevi, check-in e invio delle schedine alloggiati vanno effettuati subito
  5. Pensiamo di semplificarci la vita fotografando con la fotocamera del telefono i documenti degli ospiti? Magari abbiamo l’abitudine di compilare i campi delle schedine alloggiati con calma, in un secondo momento. Ricordiamoci che stiamo violando il GDPR
  6. Quando l’invio delle schedine alloggiati è andato a buon fine segniamoci da qualche parte le informazioni relative ai check-in effettuati. Ci serviranno per comunicare i dati Istat sulle presenze turistiche. Serviranno anche informazioni aggiuntive, come la lunghezza del soggiorno
  7. Periodicamente scarichiamo le ricevute di invio delle schedine alloggiati
  8. Conserviamo le ricevute su più dispositivi, al sicuro, per cinque anni

Puntiamo sulla digitalizzazione

In alternativa, affidandoci all’app Welcomeasy, possiamo acquisire velocemente e senza errori di trascrizione i dati degli ospiti. Faremo tutto in tre semplici passaggi, ottimizzando il nostro lavoro.

Grazie a Welcomeasy potremo inviare in modo super veloce anche le informazioni richieste dall’Istat. Ogni dato viene spedito in tutta sicurezza rispettando i termini legali di trasmissione sicura. 

E se vogliamo completare il check-in un secondo momento, possiamo farlo in completa tranquillità salvando un pre-check-in.

Il check-in in 30 secondi:
prova gratis per 1 mese Welcomeasy

Prova gratis

Welcomeasy è la soluzione per il check-in superveloce che azzera i tempi della burocrazia. Oltre all'App, con Welcomeasy avrai accesso a una piattaforma desktop per gestire in tempo reale tutti i check-in e l’attività dei tuoi collaboratori. Che tu sia il proprietario di un appartamento o il gestore di più strutture, Welcomeasy è la soluzione facile e sicura che ti fa guadagnare tempo.

Prova Welcomeasy gratis per 30 giorni senza vincoli nè carta di credito